Karate

Etimologia

kara te

Etimologicamente Kara si compone di: uno scavo, uno spazio prodotto da un certo lavoro fine, abile, uno spazio vuoto; l’immagine del vuoto. Te è la rappresentazione di una mano vista di mezzo profilo, ma è anche il fonema di attività, mettersi all’opera.La parola giapponese Kara-te in definitiva si compone di vuoto e mano, ma il vuoto non è in sé, è in relazione ad un lavoro, ad un’attività, mettersi all’opera per ottenere, fare il vuoto.

Secondo questo concetto il praticante deve allenare la propria mente affinché sia sgombra da pensieri di orgoglio, vanità, paura, desiderio di sopraffazione. Storicamente ad Okinawa era in uso l’accezione Karate, ma più spesso si chiamava te o bushi no te , cioè mano di guerriero.

Kara simbolizza quindi il fatto che questa forma di autodifesa non fa uso di armi; ma, in effetti, chi pratica Karate dovrebbe aspirare a svuotare il cuore e la mente da tutto ciò che li ottenebra, non solo nel Karate, ma anche nella vita: il termine zen ku indica il vuoto dell’anima e può essere pronunciato anche „kara“. Nagashige Hanagusuku , maestro di Okinawa , usò il carattere giapponese per “mano vuota” nell’agosto del 1905.

 «(…) Proprio come uno specchio che riflette le immagini senza distorsioni, come in una tranquilla vallata che rimanda l’eco, così uno studente di karate deve purgare sé stesso da pensieri egoisti e malvagi poiché solamente con una mente ed una coscienza chiara e limpida (vuota) egli potrà capire ciò che sta ricevendo … la forma fondamentale dell’universo è vuoto ( kara ) e quindi il vuoto è esso stesso forma (…)» Gichin Funakoshi